Aiuti alla navigazione

logo vivieuropa

Modulo percorso pagina

Sei in: Home | Ultime Notizie | Reti UE, Commissione europea vara piano investimenti per 50 mld di euro

contenuti

Reti UE, Commissione europea vara piano investimenti per 50 mld di euro

19 ottobre 2011

Si chiama "Connecting Europe Facility" ('meccanismo per collegare l'Europa') il nuovo piano di investimenti da 50 miliardi di euro varato dalla Commissione europea per migliorare le reti europee di trasporto, energia e digitali.

Il piano andrà a finanziare i progetti che completano i collegamenti mancanti di queste reti. Per facilitare gli investimenti, la Commissione ha inoltre lanciato con la BEI l'iniziativa per i "Project Bond", ovvero
prestiti obbligazionari per il finanziamento di progetti infrastrutturali. La fase pilota partirà già il prossimo anno e diventerà uno degli "strumenti di condivisione dei rischi" a cui la nuova Facility potrà  attingere per attrarre finanziamenti privati per i progetti.

Sul fronte trasporti, sono previsti investimenti per 31,7 miliardi di euro per ammodernare le infrastrutture di trasporto europee, costruire i collegamenti mancanti ed eliminare le strozzature. I fondi serviranno come "capitale di avviamento" per stimolare ulteriori investimenti, e secondo i calcoli della Commissione ogni milione di euro speso a livello europeo genererà 5 milioni dai governi degli Stati Membri e 20 milioni dal
settore privato. Tra i corridoi chiave individuati da Bruxelles ci sono il Baltico-Adriatico (che coinvolge Udine, Venezia, Bologna e Ravenna), il Mediterraneo (che passa per Lione, Torino, Milano, Venezia, Trieste, Divaca), poi l'Helsinki-La Valletta (via Brennero, Verona, Bologna, Roma, Napoli-Bari e Napoli-Parlermo-Valletta), poi il Genova-Rotterdam (da Genova, Milano, Novara e poi via Gottardo).

Per quanto riguarda l'energia, Bruxelles ha previsto 9,1 miliardi di euro da investire nell'infrastruttura transeuropea, in modo da raggiungere gli obiettivi nel settore climatico e dell'energia fissati dall'UE per il 2020. Il mercato interno dell'energia sarà ulteriormente sviluppato attraverso migliori interconnessioni,
il che garantirà la sicurezza degli approvvigionamenti e la possibilità di trasportare energie rinnovabili a costi ragionevoli attraverso il territorio dell'Unione.

Per le reti digitali, la Commissione UE prevede almeno 9,2 miliardi di euro per sostenere gli investimenti in reti a banda larga veloci e ultraveloci e in servizi digitali paneuropei. Basandosi su stime relativamente prudenti, la Commissione ritiene che il finanziamento per le infrastrutture di rete promuoverà investimenti
pari a oltre 50 miliardi di euro.

Per attrarre i finanziamenti mancanti per realizzare le reti UE di trasporto, energia e digitali, la Commissione conta di varare già dal prossimo anno i project bond: una fase pilota dovrà essere gestita dalla BEI nel periodo 2012-2013, si fonderà su una modifica del regolamento sulle reti transeuropee (TEN) e della decisione sul programma quadro per la competitività e l'innovazione e utilizzerà le linee di bilancio di questi programmi fino a un totale di 230 milioni di euro.


Per saperne di più:
Approfondimento [EN]



torna su ^^
Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri 2007 © Tutti i diritti riservati