Aiuti alla navigazione

logo vivieuropa

Modulo percorso pagina

Sei in: Home | Ultime Notizie | Nuovi cittadini europei: in calo nel 2015, Italia prima per concessioni

contenuti

Nuovi cittadini europei: in calo nel 2015, Italia prima per concessioni

23 aprile 2017

passaportiL'Italia è prima in Europa per la concessione della nazionalità a cittadini di altri Paesi. Una persona su 5 che nel 2015 ha acquisito la cittadinanza europea l'ha ottenuta proprio in Italia. E' quanto emerge dai dati Eurostat per il 2015, che indicano a livello europeo una tendenza costantemente in calo, con 841.200 persone contro le 890mila del 2014 e le 980mila del 2013.

Fa eccezione proprio l'Italia che ha concesso 178.035 cittadinanze (pari al 21% rispetto alle 840mila complessive concesse a livello europeo). Il secondo Paese per più nazionalità concesse è la Gran Bretagna (118mila), seguono Spagna (114.351), Francia (113.608) e Germania (110.128).

Rispetto al numero di abitanti complessivi, il Paese che ha naturalizzato più persone è stato il Lussemburgo (5,6 per mille residenti), seguito da Svezia (5), Cipro (3,9) e poi, al quarto posto, Italia e Irlanda (2,9). L'Italia, insieme a Olanda e Finlandia, è anche quarta per tasso di naturalizzazione, con 3,6 cittadinanze concesse su 100 residenti stranieri, mentre prima è la Svezia (6,7) seguita da Portogallo (5,2) e Polonia (3,7).

Le nazionalità che più hanno ricevuto la cittadinanza di uno Stato membro sono state i cittadini marocchini (86.100 in totale) e, a seguire, albanesi (48.400), turchi (35mila), indiani (31mila), romeni (28.400), pakistani (26.300) e 
algerini (22.500). I 'nuovi italiani', invece, sono in maggioranza albanesi (19,7%), marocchini (18,2%) e romeni (8,1%).

Per saperne di più:
Approfondimento sul sito di Eurostat [EN]



torna su ^^
Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri 2007 © Tutti i diritti riservati